Venosa, Scavo Paleolitico Notarchirico

Descrizione

Il sito Paleolitico ha un'età compresa tra 300-400 mila anni. Esso rappresenta una delle più complete sequenze dell'Acheuleano Medio italiano (periodo preistorico del Paleolitico inferiore).

Le ricerche hanno portato alla luce una serie di livelli, ben distinti tra loro, frequentati dall'uomo. In tali strati sono concentrati resti di fauna preistorica tra cui una vertebra e un frammento di mandibola di elefante. Le specie animali, frequenti nei diversi livelli, appartengono ai  cervidi, oltre a Bos e Bison.

Gli studi e le ricerche sul sito sono stati condotti tra gli anni '50 e '70 dall'Istituto Italiano di Paleontologia Umana e dal Museo di Antropologia di Monaco, in seguito dallo stesso Istituto in collaborazione con la Soprintendenza Speciale al Museo Nazionale Preistorico Etnografico " L. Pigorini".

Durante gli scavi del 1988 è stato rinvenuto un cranio di Elephas antiquus, oltre al più antico resto umano ritrovato nell'Italia Meridionale: un femore umano frammentario, fortemente fossilizzato, attribuito ad un individuo femminile di età adulta riferibile alla specie Homo erectus.

Indirizzo o come arrivare:

Località Notarchirico, Venosa (Pz)

Info:

tel. 0972 374791
cell. 339 1631053

Apertura: tutti i giorni, 8:30-12:30 e 14:30-15:30
Chiusura: lunedì ingresso libero

mappa_venosa_3